web analytics

Sergio Fortini

eventi – impressioni

L’Impressione – QUANDO NATALE

L’IMPRESSIONE – Gazzetta di Foligno n. 31 del 20.9.2020

QUANDO NATALE

im202031

Causa regime sanitario, la Pasqua ce la siamo giocata, senza poterla santifica-re in chiesa, a rischio di vedersi arrivare i militari ad impedire la libertà di cul-to sancita dalla Costituzione. Per Natale, chissà. Arduo scommettere che le più recenti graziose concessioni possano perdurare, pur con le riverenze della diplomazia religiosa, tipo i frati di Assisi che, dopo aver firmato un appello per il vaccino universale, divulgano il verbo OMS nel “Cortile” di Francesco, che di certo alla salute del corpo teneva ben poco. Del Natale, tuttavia, si possono già vedere i segni, o meglio, si continuano a vedere di quelli trascorsi, lungo la strada per la montagna folignate. Probabilmente mettere e togliere quelle luminarie costa impegno e così vengono lasciate al loro posto ad oltranza, senza curarsi di spegnerle, nemmeno in piena estate. Nella condizione attuale, tuttavia, col timore non peregrino che possiamo giocarci anche il Natale, in ossequio ad un qualche atto di (malintesa) Speranza, più che come indice di indolenza, prendiamole pure come buon auspicio.

L’Impressione – META’ PEZZO

L’IMPRESSIONE – Gazzetta di Foligno n. 30 del 13.9.2020

META’ PEZZO

im202030

A dispetto dei profeti di sventura, pur nel delirio normativo sanitario e la spa-da di Damocle di essere nuovamente rinchiusi in gabbia, il popolo ha benefi-ciato della graziosa concessione di andare in vacanza al mare, che peraltro, piaccia o non piaccia il mare, fa bene alla salute, al contrario che stare tappa-ti in casa covando la paura del virus unico. Chi come il sottoscritto al mare non ci va, può solo immaginare quanto avviene sulle spiagge, anche da quei negozi che espongono i costumi da bagno alla moda. Un indizio me lo ha for-nito questa vetrina, dove ad agosto erano esposti un costume a due pezzi, un costume intero ed un costume ad un pezzo solo, ma quello sopra. Una rima-nenza di chi preferisce il topless oppure un capo in vendita come tale, una nuova moda, un topless inverso? O forse la spiegazione sta nel “tutto” al “cin-quanta per cento”, non solo metà prezzo ma anche metà pezzo? Ah, saperlo! Mea culpa: altro che pedalate tra i monti, per capire davvero come va la mo-da in spiaggia, avrei dovuto fare un salto al mare.

L’Impressione – CROCE PENDENTE

L’IMPRESSIONE – Gazzetta di Foligno n. 29 del 2.8.2020

CROCE PENDENTE

im202029

Virus, una emergenza sociale per certi versi simile al terremoto: se il terremoto ti caccia fuori di casa e il virus ti caccia dentro casa, sia il terremoto che il virus ti cacciano fuori dalle chiese: clamoroso fu l’intervento dei militari, ad aprile nel Cremonese, per porre fine ad una funzione religiosa. Da maggio, per gentile concessione, è stato in parte riesumato l’articolo 19 della Costituzione e si può tornare a messa ma con una presenza massima di 200 persone, come per gli spettacoli al chiuso, anche se la CEI ha chiesto di recente di superare questo limite. Il terremoto, almeno, ti caccia dalle chiese inagibili ma ti concede una libera alternativa, tra quelle agibili e gli spazi provvisori allestiti per lo svolgimento del culto che, ultimati i lavori e tornate agibili le chiese danneggiate, sono finiti spesso abbandonati a sé stessi. In questa frazione di montagna, nel villaggio di casette di legno allestito per l’emergenza, ora impiegate con diversa finalità, quella già destinata ad uso di culto mostra tutti i segni dell’oblio, rimasta inutilizzata, soggetta al degrado e con la vegetazione incolta fin quasi ad occultare la porta di accesso. L’aspetto più emblematico, però, è costituito dal simbolo cristiano posto al culmine del tetto che, forse per un fissaggio non più solido, pende visibilmente. Pazienza per l’abbandono del luogo di culto non più tale, che peraltro potrebbe essere impiegato diversamente; meno pazienza per l’abbandono della croce.

Archivi

Categorie

Tags

Statistiche

  • 16
  • 14
  • 30
  • 23
  • 234
  • 1.020