Press "Enter" to skip to content

RESA MAESTA’

L’IMPRESSIONE – Gazzetta di Foligno n. 23 del 18/6/2006

RESA MAESTA’

RESA MAESTA’

A quasi nove anni dal terremoto, il Palazzo Comunale è ancora in attesa che la sua principale ferita venga sanata. La torre comunale, primario simbolo della Città, crollata il 15 Ottobre 1997, continua a mostrarsi pietosamente avvolta da tubi e da stracci al vento. L’orologio è fermo da lungo tempo. La lapide in memoria dei caduti della Guerra di Liberazione, che per decenni ha rappresentato solo l’Italia peninsulare, ha recentemente acquistato (in barba a quanto a suo tempo comunicato al Presidente della Repubblica) le due regioni insulari che però sono troppo grandi rispetto alle proporzioni geografiche. L’arco di Via Colomba Antonietti è proprietà privata di una contrada festaiola, che può chiuderlo e danneggiarlo a piacimento. Oltre ai danni recenti, ci sono anche quelli di cui è difficile stabilire la data. Uno stemma ecclesiastico, posto sotto una delle arcate centrali, ha probabilmente subito una frattura a seguito dall’apertura di una finestra; la corona, che si è staccata dal resto dello stemma, giace appoggiata sul bordo inferiore, legata con fili di ferro alla grata. Uno stemma senza corona, simbolo eloquente di un Palazzo senza più dignità.

I contenuti di questo sito
possono essere utilizzati per scopi non commerciali previa comunicazione
e per scopi commerciali solo previo consenso
citando l'autore e rispettando l'integrità delle immagini.