Press "Enter" to skip to content

TAGLIA E FUGGI

L’INPRESSIONE — n. 43 del 24.5.2022

TAGLIA E FUGGI

TAGLIA E FUGGI

Dopo aver par­la­to con la respon­sa­bi­le comu­na­le del ser­vi­zio, alla fine a Scan­za­no sono venu­ti a taglia­re l’er­ba, si fa per dire, per­ché il lavo­ro, come soli­to, è sta­to fat­to alla meno peg­gio. Sta­ma­ni ho scrit­to al Comu­ne di Foli­gno docu­men­tan­do l’o­pe­ra con del­le imma­gi­ni e, mira­co­lo, ver­so l’o­ra di pran­zo vedo che sono tor­na­ti con i dece­spu­glia­to­ri, ma il risul­ta­to poco cam­bia. L’er­ba non è sta­ta taglia­ta bene, non è sta­ta taglia­ta dovun­que e quel­la taglia­ta non vie­ne rac­col­ta ma lascia­ta che si spar­ge in mez­zo alla stra­da. Fat­te le mie obie­zio­ni agli ope­ra­to­ri del­la dit­ta inca­ri­ca­ta, mi è sta­to rispo­sto che loro han­no mol­ti lavo­ri da fare e che non pos­so­no trat­te­ner­si trop­po a lun­go nel­lo stes­so posto. Resta da capi­re se que­sto è il ser­vi­zio che il Comu­ne di Foli­gno vuo­le dal for­ni­to­re o ciò che al Comu­ne di Foli­gno vie­ne fat­to paga­re dal for­ni­to­re stes­so spac­cian­do­lo per un lavo­ro a rego­la d’ar­te. In ogni caso, una vergogna.

Ser­gio Fortini

Source: www.gattezzadifoligno.it

I contenuti di questo sito
possono essere utilizzati per scopi non commerciali previa comunicazione
e per scopi commerciali solo previo consenso
citando l'autore e rispettando l'integrità delle immagini.